Emergenza rifiuti, l’Anci domani in Senato: “Denunceremo i disagi organizzativi”

Leoluca Orlando

L’Anci Sicilia sarà audita, domani, dalla commissione Ambiente del Senato sulle problematiche ambientali  relative alla gravissima situazione dei rifiuti in Sicilia. Una delegazione, composta dal presidente Leoluca Orlando, dal vice presidente, Salvo lo Biundo, dal segretario generale, Mario Emanuele Alvano   e dal sindaco di Sciacca, Fabrizio Di Paola, andrà a Palazzo Madama  a denunciare gli enormi disagi organizzativi che gli amministratori siciliani  riscontrano nell’erogazione dei servizi ai cittadini e tornerà, come in passato, a chiedere, al Governo nazionale e a quello regionale, interventi urgenti  sul piano amministrativo e legislativo.

“L’AnciSicilia, già da tempo, ha denunciato lo stato in cui versa la Regione Siciliana evidenziando la difficile condizione nella quale gli amministratori siciliani si trovano costretti ad operare in un settore vitale per il territorio come quello dei rifiuti – ha dichiarato Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia – una situazione insostenibile, infatti, se si pensa che i maggiori costi  del servizio integrato rifiuti, prodotti dall’emergenza di quest’estate, rischiano di gravare interamente sulle amministrazioni locali e quindi  sui cittadini, che già oggi, in alcuni casi, stentano a pagare i tributi locali”.

“In più occasioni, in audizione alla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, dinnanzi all’Autorità Nazionale Anticorruzione e da ultimo in occasione di un incontro con il Ministro Galletti – continua Orlando – la nostra Associazione  ha avuto modo di sottolineare le criticità della gestione del sistema integrato dei rifiuti nella nostra  regione  dove, anche a causa  dei limiti e delle incertezze del quadro normativo, spesso farraginoso e contraddittorio, nell’estate appena trascorsa, si è verificata l’esplosione dell’ennesima “emergenza rifiuti”.

“Una situazione incandescente che, domani, evidenzieremo in tutte  le sue sfaccettature – conclude Orlando –  che certamente  impone una  presa di coscienza da parte di tutti gli attori coinvolti, affinché si ponga fine ad interventi emergenziali fatti di ordinanze  dell’ultimo minuto e si proceda  con  provvedimenti strutturali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.