Beni culturali, i sindacati: subito gli arretrati al personale, a Natale musei a rischio chiusura

valletempli

Nuovo caos nei beni culturali siciliani. I sindacati chiedono i pagamenti arretrati e una migliore organizzazione del personale o sono pronti allo sciopero. In una nota a firma Cgil, Cisl, Uil, Sadirs, Cobas e Siad, si chiede un incontro urgente all’assessore ai Beni culturali alla presenza del dirigente generale, “al fine di trovare una soluzioni immediata che sblocchi ai lavoratori tutti i pagamenti arretrati dovuti entro il 15 di novembre, scongiurando in tal modo il rischio chiusura durante le festività Natalizie, che inevitabilmente provocherebbe anche un danno di immagine per la nostra Regione. Saranno valutate altre forme di protesta, qualora non si dovesse trovare una soluzione immediata ai problemi su esposti”.
Secondo le sigle ”le motivazioni che hanno spinto a questa decisione scaturiscono da un lato dal mancato rispetto degli accordi già siglati sulla istituzione dei profili professionali, strategicamente fondamentali per il rilancio dei beni culturali in Sicilia, e dall’altro mancato pagamento degli emolumenti relativi all’anno 2015, ed a tutto l’anno 2016 che oramai volge al termine. Il personale, nonostante tutto, ha continuato sino ad ora a garantire i servizi pur operando sotto organico e quindi sobbarcandosi di molti più turni di quelli previsti dal contratto di lavoro vigente, in mancanza di qualsiasi tipo di dotazione strumentale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.